Le candelore
         Si   tratta   di   grosse   costruzioni   in   legno   riccamente   scolpite   e   dorate   in   superficie,   costruite,   generalmente, nello   stile   del   barocco   siciliano,   e   contenenti   al   centro   un   grosso   cereo.   Queste   sculture   dal   peso   che   oscilla fra   400   e   900   chili,   vengono   portate   a   spalla,   a   seconda   del   peso,   da   un   gruppo   costituito   da   4   a   12   uomini, che le fa avanzare con una andatura molto caratteristica detta in siciliano "annacata". UNA FESTA DEL BAROCCO          Quasi   tutte   le   feste   siciliane   sono   barocche.   A   proposito   delle   undici   candelore   si   parla   specificamente   di   "barocco   in movimento",   anche   per   la   famosa   "annacata".   Un   barocco   che   si   muove   in   una   città   barocca,   come   ridisegnata   dal   Vaccarini per   la   sua   ricostruzione   dopo   il   terremoto   del   1693.   In   Spagna   ben   120   "pasos"   fercoli)   narrano   per   le   strade   la   passione   di Cristo   e   i   dolori   di   Maria;   in   Perù   il   santissimo   sacramento   viene   preceduto   nella   sua   sontuosa   processione   dai   "tronos" (fercoli)   che   narrano   plasticamente   con   capolavori   lignei   la   vita   dei   santi   testimoni   di   Cristo   e   alcuni   titoli   della   Madonna.   Sul solco   spagnolo   anche   le   undici   candelore   catanesi.   Un   tempo   superavano   il   numero   di   trenta:   la   guerra,   lo   sconquasso   e   la scomparsa   di   alcuni   mestieri   comportarono   dolorosi   tagli.   Dieci   cerei   grandi   e   uno   più   piccolo,   candelabri   che   illuminavano   il percorso   della   processione.   Camminano   in   ordine   di   anzianità,   anche   se   tra   i   "Rinoti"   e   gli   Ortofloricultori   ci   fu   lotta   aspra   per il   primo   posto.   Una   mancata   intesa   e   una   diatriba   fra   le   due   categorie   portarono   le   candelore   a   procedere   in   coppia   per molto   tempo,   con   la   piccolina   a   fare   da   apripista.   Anche   oggi   apre   il   cero   voluto   da   mons.   Ventimiglia,   segue   quello   dei "Rinoti"   dono   degli   abitanti   di   San   Giuseppe   La   Rena,   con   i   bellissimi   quattro   grifoni   alla   base.   Segue   il   cereo   degli Ortofloricultori   (giardinieri   e   fiorai)   in   stile   gotico,   con   le   statue   dei   martiri   e   vescovi   catanesi.   In   cima   c'è   ora   la   boccia,   ma per   molto   tempo   campeggiò   un   mazzo   di   fiori.   Un   grande   e   totale   restauro   nel   1970-71   ad   opera   dell'allora   tesoriere   cav. Salvatore   Urzì.   E   di   seguito   la   candelora   dei   Pescivendoli,   in   stile   rococò,   ricca   di   stendardi   ed   ex   voto   e   con   la   statua   di   S. Francesco   di   Paola,   protettore   della   gente   di   mare;   quella   dei   Fruttivendoli   pregiata   e   scintillante   con   al   centro   un   bel   busto di   Sant'Agata;   dei   Macellai   che   fa   mostra   del   tradizionale   mazzetto   di   fiori   freschi;   dei   Pastai   che   è   un   puro   candeliere settecentesco   con   il   cerone   in   vera   cera;   dei   Pizzicagnoli   (alimentaristi)   in   stile   liberty   con   le   caratteristiche   cariatidi   alla base;   dei   Panettieri,   la   più   pesante   (la   portano   in   dodici   anziché   in   otto,   in   dieci   però   quella   dei   Vinaioli)   con   gli   angeli   ad altezza   naturale;   dei   Vinaioli   (bettolieri),   appunto,   il   secondo   cereo   per   pesantezza,   ha   alla   base   quattro   artistici   leoni   e grifoni che sostengono tutto l'impianto.          Chiude   la   candelora   voluta   dal   beato   Dusmet   per   il   Circolo   cittadino   Sant'Agata:   nel   restauro   del   1988   è   stata   arricchita   da un artistico mazzo di fiori.          La   festa   più   attesa   per   le   candelore,   dopo   che   per   giorni   hanno   girato   la   città   in   lungo   e   in   largo,   è   quella   del   giorno   3   alla Pescheria e in piazza Duomo, quando fanno l'omaggio al sindaco.  1) Candelora di Monsignor Ventimiglia Apre la sfilata, ed è sempre la prima ad uscire. Si   tratta   della   più   piccola   e   dal   popolo   viene   meglio   conosciuta   come   "a   cannalora   di   S. Aita".   Fu   donata   da   Mons.Ventimiglia   nel   1766.   È   tutta indorata e consta di tre ordini: una base, una parte intermedia e una parte superiore.  Distrutta   quasi   totalmente   dai   bombardamenti   del   1943   venne   ricostruita   nel   1952   su   progetto   del   geometra   Giacomo   Tropea   del   Comune   di Catania e rifinita nel 1984 dal maestro restauratore Ignazio Lo Faro. 2) Candelora dei Rinoti Si   fregia   del   titolo   di   "primo   cereo",   di   fatti   apre   la   processione   dei   grandi   cerei.   Con   quattro   ordini   fregiati   in   stile   barocco   e   quattro caratteristiche aquile alla base, è da considerare un omaggio dei giardinieri e ortolani di S. Giuseppa la Rena. Secondo   gli   storici,   questa   candelora   venne   ricostruita   tra   il   1820   e   il   1852.   Nel   secondo   dopo   guerra   venne   restaurata   dal   maestro   indoratore Arancio e nel 1984 Ignazio Lo Faro.   3) Candelora dei Giardinieri Si   riconosce   per   il   suo   inequivocabile   stile   gotico   veneziano.   Consta   di   tre   ordini,   compresa   la   base,   che   accolgono   i   simulacri   di   alcuni   Santi, tra   i   quali   spicca   S.   Euplio.      Si   erge,   sugli   stendardi   e   sulla   boccia   del   cerone,      una   sobria   corona   che   gli   conferisce   un   aspetto   regale.   Per   tale motivo viene comunemente denominata "La regina".  Negli   anni   '50,   a   seguito   della   controversia   legale   per   motivi   di   precedenza   che   la   categoria   ebbe   col   comitato   dei   rinoti,   non   usci   in processione fino al 1960.  D'allora, sottoposta ad alcuni restauri, partecipa alle processioni con regolarità. 4) Candelora dei Pescivendoli Di   fattura   ottocentesca,   per   il   suo   portamento   è   meglio   conosciuta   con   soprannome   di   "Bersagliera".   In   stile   rococò,   in   essa   si   ammirano   i palcoscenici   inneggianti   al   Martirio   della   "Diva   Catanese".   Gli   altarini   sono   cinti,   mo'   di   serto,   da   una   ghirlanda   che   dondola   al   procedere, rendendola   così   inconfondibile   rispetto   alle   altre.   La   parte   apicale,   con   corona   a   cimosa   floreale   (un   tempo   fiori   freschi,   oggi   artificiali),   è   cinta da tripudio di bandiere e gagliardetti ex-voto. 5) Candelora dei Fruttivendoli (o ortofrutticoli) Per la sua cadenza leggiadra ed aggraziata è denominata "la signorina". Durante   i   lavori   di   restauro   eseguiti   1959,   è   stata   rinvenuta   la   data   del   1888   forse   di   un   precedente   restauro   avvenuto   in   quell'anno. Alla   base di   questa   candelora   sfolgorante   di   luci,   figurano   quattro   artistici   cigni.      Il   fusto   mostra   scene   del   martirio,   un   trionfo   di   statue.   Sotto   la   corona spicca la statua di S.Agata. Nel 1988 ebbe un nuovo restauro.   6) Candelora dei Macellai Detta   comunemente   dei   "chiancheri".   Questa   candelora   si   distingue   per   la   sua   forma   simile   ad   una   "prismatica   torre".   Nella   parte   sommitale spicca   un   mazzetto   di   fiori   freschi   trapunto   da   artistici   ex-voto.   Alla   base   quattro   artistici   leoni,   nel   terzo   ordine,   dentro   nicchie   ornate   da colonne corinzie, spicca al centro la statua di S.Sebastiano, protettore della categoria. Danneggiata dal bombardamento del 1943, venne restaurata nel 1947. Un nuovo restauro si ebbe nel 1972.   7) Candelora dei Pastai Si tratta della sola sopravvissuta dei ceri settecenteschi.  All'interno   si   troverebbe   addirittura   anche   il   cerone   originale.   Costruita   in   stile   barocco,   è   priva   di   scenografie.   Nella   parte   sommitale,   sostenuta da   espressivi   putti,   vi   è   una   corona   ben   visibile   sormontata   da   un   nugolo   di   gagliardetti.   Nel   corso   del   tempo   non   sarebbe   stata   sottoposta   che a pochi restauri. 8) Candelora dei Pizzicagnoli (o alimentaristi) Questa   candelora   è   riconoscibile   per   il   suo   stile   liberty.      Alla   sua   ristrutturazione   nel   1914   collaborò   lo   scultore   Vincenzo   Cuscunà   con   i   figli Rosario e Sebastiano. Nel 1946 venne restaurata ad opera del maestro Andrea Lombardo.  Nuovi restauri sono avvenuti nel 1980 e 1996 ad opera, rispettivamente di Ignazio Lo Faro e Sabina Fisichella. La   base   della   candelora   è   costituita   da   quattro   bellissime   cariatidi;   all'estremità,   invece,   sono   allogati   gli   antichi   gagliardetti   dei   quattro   gruppi di cantanti che un tempo, in occasione dei festeggiamenti patronali, eseguivano nelle strade inni in onore della Santa.   9) Candelora dei Bettolieri E' la più alta di tutte.  In stile impero, agli angoli della base troneggiano quattro leoni che sono raffigurati in atteggiamento mansueto.  All'interno   di   piccoli   palcoscenici   sono   rappresentati   quattro   dei   più   significativi   momenti   del   Martirio.   Nell'arco   del   tempo   questa   candelora   ha subito profonde trasformazioni. Nel 1913 venne ristrutturata da Vincenzo Cuscunà e figli, poi nel 1935 e nel 1982 altri interventi di profondo restauro furono effettuati.   10) Candelora dei Panettieri (o fornai) È la più pesante di tutte altre. Per   la   sua   caratteristica   andatura,   è   meglio   conosciuta   come   "la   mamma".   La   base   presenta   quattro   caratteristici   telamoni   e   altri   elementi ornamentali.La parte successiva custodisce la raffigurazione "Vicende agatine" suggestive nei loro ampi incavi.  Il Cero venne costruito prima la prima volta nel  1731 dall'intagliatore Santo Guarnaccia.  Fu   quello   più   gravemente   danneggiato   tra   le   "cannalore"   che   durante   il   bombardamento   dell'aprile   del   1943   si   trovavano   in   deposito   nella "casa della Vara".  È stato ripristinato nel 1972 dall'indoratore Alfio Grasso. 11) Candelora del Circolo di S. Agata Voluta nel 1876 dal Cardinale G.Benedetto Dusmet, risulta essere la più recente. È   stata   costruita   in   stile   neoclassico.   Si   compone   di   tre   ordini,   nel   secondo   dei   quali   sono   raffigurate   le   statue   rappresentanti   le   anime   del purgatorio:   S. Agata,   S.   Euplio   e   l'Immacolata   Concezione,   compatrona   di   Catania. Al   termine,   sulla   corona,   domina   una   cimosa   di   fiori   che   ha sostituito l'originaria boccia di vetro. Nel 1988 è stata restaurata. 12) Candelora del Villagio Sant'Agata La candelora del Villaggio Sant’Agata ammesso dal 2012 alla processione di Sant’Agata: sarà la dodicesima candelora. Il   Cereo   è   stato   progettato   nel   2007;   è   stato   scolpito   dalla   ditta   Scirè   di   Emanuele   Branchitta   ed   assemblata   dal   fratello   Eliseo.   È   alto,   con   il mazzo   di   fiori   che   la   sovrasta,   quasi   4,90   metri,   pesa   circa   600   kg   ed   è   portato   da   8   persone. Alla   base   vi   sono   quattro   basamenti   con   teste   di leone, mentre le statue dei santi e le scene del martirio di Agata sono state realizzate dalla illustre ditta Ferdinand Stuflesse di Ortisei.
Powered by Guido Scuderi
click per ingrandire
click sulle immagini per ingrandire